LA TRADUZIONE NELLA TARDA ANTICHITÀ: LINEE DI UN PROBLEMA