Frutto di un programma di ricerca Miur 40%, e della Unità di ricerca, coordinata dallo scrivente, del Dipartimento di Ingegneria civile di Firenze, la relazione insiste sulla modernizzazione che improvvisamente, all’avvio degli anni trenta, investe la società italiana e su come questo clima ben si riscontri anche negli interni delle stazioni ferroviarie realizzate in questi anni. Sotto l’impulso di Costanzo Ciano ministro delle Comunicazioni, il più futurista dei ministeri, l’Ufficio lavori delle FF.SS. affida all’architetto e ingegnere Angiolo Mazzoni, varie stazioni italiane oltre che molti palazzi e ricevitorie postali. Per altre stazioni, e prima fra tutte S. Maria Novella, si bandiscono concorsi. Specie nel confronto tra le soluzioni adottate dal Gruppo Toscano, capeggiato da Michelucci, nel Fabbricato viaggiatori fiorentino e quelle mazzoniane per le stazioni di Siena o di Montecatini, lo scritto propone una disamina tra la scala architettonica e quella più minuta di certe soluzioni d’arredo: dal lettering, dal disegno degli orologi e della segnaletica, all’uso della luce artificiale secondo i dettami della nuova scienza illuminotecnica. Valutando tali soluzioni alla luce del dibattito internazionale, si dimostra la coerenza e la qualità espressiva di questa breve fase della progettualità italiana.

Il design per le stazioni ferroviarie intorno al 1935 / M. Cozzi. - STAMPA. - (2004), pp. 361-382. ((Intervento presentato al convegno CONVEGNO ARCHITETTURA FERROVIARIA IN ITALIA - NOVECENTO tenutosi a Palermo nel 2-3 dicembre 2016.

Il design per le stazioni ferroviarie intorno al 1935

COZZI, MAURO
2004

Abstract

Frutto di un programma di ricerca Miur 40%, e della Unità di ricerca, coordinata dallo scrivente, del Dipartimento di Ingegneria civile di Firenze, la relazione insiste sulla modernizzazione che improvvisamente, all’avvio degli anni trenta, investe la società italiana e su come questo clima ben si riscontri anche negli interni delle stazioni ferroviarie realizzate in questi anni. Sotto l’impulso di Costanzo Ciano ministro delle Comunicazioni, il più futurista dei ministeri, l’Ufficio lavori delle FF.SS. affida all’architetto e ingegnere Angiolo Mazzoni, varie stazioni italiane oltre che molti palazzi e ricevitorie postali. Per altre stazioni, e prima fra tutte S. Maria Novella, si bandiscono concorsi. Specie nel confronto tra le soluzioni adottate dal Gruppo Toscano, capeggiato da Michelucci, nel Fabbricato viaggiatori fiorentino e quelle mazzoniane per le stazioni di Siena o di Montecatini, lo scritto propone una disamina tra la scala architettonica e quella più minuta di certe soluzioni d’arredo: dal lettering, dal disegno degli orologi e della segnaletica, all’uso della luce artificiale secondo i dettami della nuova scienza illuminotecnica. Valutando tali soluzioni alla luce del dibattito internazionale, si dimostra la coerenza e la qualità espressiva di questa breve fase della progettualità italiana.
Architettura ferroviaria in Italia. Novecento.
CONVEGNO ARCHITETTURA FERROVIARIA IN ITALIA - NOVECENTO
Palermo
2-3 dicembre 2016
M. Cozzi
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il design per le stazioni ferroviarie intorno al 1935.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Altro
Licenza: DRM non definito
Dimensione 6.48 MB
Formato Adobe PDF
6.48 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2158/10612
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact