Il canzoniere di Colin Muset è doppiamente anomalo, per le caratteristiche della sua tradizione manoscritta e per le numerose irregolarità metriche. Si propone una nuova analisi di alcuni dei componimenti a tradizione pluritestimoniale considerati anisosillabici e/o anisostrofici, partendo dalle interpretazioni formulate nel tempo dagli studiosi, dalla tesi di laurea di Bédier (1893) a oggi.

Ancora sulle canzoni di Colin Muset: anomalie formali e tradizione manoscritta / Lannutti Maria Sofia. - In: CRITICA DEL TESTO. - ISSN 1127-1140. - STAMPA. - 18:(2015), pp. 103-118.

Ancora sulle canzoni di Colin Muset: anomalie formali e tradizione manoscritta

Lannutti Maria Sofia
2015

Abstract

Il canzoniere di Colin Muset è doppiamente anomalo, per le caratteristiche della sua tradizione manoscritta e per le numerose irregolarità metriche. Si propone una nuova analisi di alcuni dei componimenti a tradizione pluritestimoniale considerati anisosillabici e/o anisostrofici, partendo dalle interpretazioni formulate nel tempo dagli studiosi, dalla tesi di laurea di Bédier (1893) a oggi.
18
103
118
Lannutti Maria Sofia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
colin muset CdT_3, 2015.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Pdf editoriale (Version of record)
Licenza: Creative commons
Dimensione 305.57 kB
Formato Adobe PDF
305.57 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/1141358
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact