L’irrequietezza come scelta