Goldoni, Chiari, Gozzi e lo scrittoio teatrale