Fra 'opere scellerate' e 'dolorosi fini'. Il tragico nella novella toscana del Cinquecento