R.W. FASSBINDER, LA CRITICA DELLA RAGIONE DIALETTICA