«Il viaggio è fatto in primo luogo di se stesso». Giorgio Manganelli o dell’esploratore bibliomaniaco e solitario