Una geografia eccezionale era quella che, agli esordi del IV sac, l’uomo più che la natura stava ancora plasmando nella valle dell’Arno tra Gonfienti e Fiesole per ospitare la metropoli etrusca e un’ampia area agricola intorno ad essa (“ager antiquus”).

Ager antiquus: un paesaggio perduto / Giuseppe Alberto Centauro. - In: CULTURA COMMESTIBILE. - ISSN 2611-884X. - ELETTRONICO. - 371(2020), pp. 16-16.

Ager antiquus: un paesaggio perduto

Giuseppe Alberto Centauro
2020

Abstract

Una geografia eccezionale era quella che, agli esordi del IV sac, l’uomo più che la natura stava ancora plasmando nella valle dell’Arno tra Gonfienti e Fiesole per ospitare la metropoli etrusca e un’ampia area agricola intorno ad essa (“ager antiquus”).
371
16
16
Goal 11: Sustainable cities and communities
Giuseppe Alberto Centauro
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/1214618
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact