Il saggio "Gentile e la poligonia giobertiana" come autobiografia di formazione