«Devo fare l’editore e null’altro»: nel cantiere di «Arte moderna italiana» di Giovanni Scheiwiller