Nel 2017 il 46.5% degli edifici scolastici in Italia necessitavano di una manutenzione urgente relativamente agli aspetti di agibilità architettonica ed accessibilità, ma anche strutturali, energetici ed ambientali; questo perché il 63% degli edifici scolastici italiani è stato costruito prima del 1974. Inoltre, il 36% dell’energia necessaria durante la fase di esercizio del settore scolastico nazionale è richiesta dalle scuole secondarie di primo grado. Il principale obiettivo dell’articolo è analizzare da un punto di vista architettonico le scuole secondarie di primo grado sia di nuova costruzione sia oggetto di una sostanziale riqualificazione architettonica, energetica e/o ambientale, per identificare quali aspetti del sistema ambientale siano variati rispetto al passato e quindi alla vigente normativa del 1975. In seguito, definire le ricorrenti strategie di riqualificazione energetica ed ambientale per gli edifici esistenti, in modo da valutare una loro possibile applicazione ad un caso analizzato. Infatti, successivamente, è stato studiato sia dal punto di vista architettonico sia in termini di performance energetica il caso studio della scuola Raffaello a Pistoia ed è stata proposta una riqualificazione integrata volta a migliorare il sistema ambientale e diminuire la domanda di energia primaria dell’edificio. Dall’analisi dettagliata del caso studio emerge che la sostituzione del sistema di illuminazione artificiale con lampade a LED, l’introduzione di una pompa di calore per il riscaldamento e raffrescamento, la sostituzione dell’impianto di ventilazione meccanica ed infine la riqualificazione dell’involucro esterno porterebbero ad una diminuzione della domanda di energia primaria pari al 79%. La sola sostituzione del sistema di illuminazione artificiale comporta una diminuzione della domanda pari al 45%.

Analisi del tipo edilizio per la Scuola secondaria di primo grado: riqualificazione integrata della Scuola Raffaello a Pistoia / cecilia ciacci, Vincenzo di naso, frida bazzocchi. - STAMPA. - (2021), pp. 1056-1075. ((Intervento presentato al convegno Progetto e Costruzione. Tradizione ed innovazione nella pratica dell’architettura tenutosi a Salerno nel 8-11 settembre 2021.

Analisi del tipo edilizio per la Scuola secondaria di primo grado: riqualificazione integrata della Scuola Raffaello a Pistoia

cecilia ciacci;Vincenzo di naso;frida bazzocchi
2021

Abstract

Nel 2017 il 46.5% degli edifici scolastici in Italia necessitavano di una manutenzione urgente relativamente agli aspetti di agibilità architettonica ed accessibilità, ma anche strutturali, energetici ed ambientali; questo perché il 63% degli edifici scolastici italiani è stato costruito prima del 1974. Inoltre, il 36% dell’energia necessaria durante la fase di esercizio del settore scolastico nazionale è richiesta dalle scuole secondarie di primo grado. Il principale obiettivo dell’articolo è analizzare da un punto di vista architettonico le scuole secondarie di primo grado sia di nuova costruzione sia oggetto di una sostanziale riqualificazione architettonica, energetica e/o ambientale, per identificare quali aspetti del sistema ambientale siano variati rispetto al passato e quindi alla vigente normativa del 1975. In seguito, definire le ricorrenti strategie di riqualificazione energetica ed ambientale per gli edifici esistenti, in modo da valutare una loro possibile applicazione ad un caso analizzato. Infatti, successivamente, è stato studiato sia dal punto di vista architettonico sia in termini di performance energetica il caso studio della scuola Raffaello a Pistoia ed è stata proposta una riqualificazione integrata volta a migliorare il sistema ambientale e diminuire la domanda di energia primaria dell’edificio. Dall’analisi dettagliata del caso studio emerge che la sostituzione del sistema di illuminazione artificiale con lampade a LED, l’introduzione di una pompa di calore per il riscaldamento e raffrescamento, la sostituzione dell’impianto di ventilazione meccanica ed infine la riqualificazione dell’involucro esterno porterebbero ad una diminuzione della domanda di energia primaria pari al 79%. La sola sostituzione del sistema di illuminazione artificiale comporta una diminuzione della domanda pari al 45%.
Progetto e Costruzione. Tradizione ed innovazione nella pratica dell’architettura
Progetto e Costruzione. Tradizione ed innovazione nella pratica dell’architettura
Salerno
8-11 settembre 2021
Goal 4: Quality education
Goal 11: Sustainable cities and communities
Goal 13: Climate action
cecilia ciacci, Vincenzo di naso, frida bazzocchi
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ArTec2021_Ciacci_DiNaso_Bazzocchi_Riqualificazione_Raffaello_atti.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Pdf editoriale (Version of record)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 1.25 MB
Formato Adobe PDF
1.25 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2158/1244210
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact