Il contributo analizza i cambiamenti intervenuti negli immaginari spaziali collettivi riferiti alla città e al territorio aperto nella fase pandemica e post-pandemica. In particolare, con riferimento alle città metropolitane e ai loro territori, alla luce di pratiche di Regional Design finalizzate alla analisi e definizione di immaginari spaziali e di nuove visioni legate all’intero territorio metropolitano, ci si interroga sulla capacità della pianificazione di intercettare questi immaginari attraverso visioni di città che siano in grado di interpretare e re-interpretare in una prospettiva trans-scalare tematiche emerse prepotentemente nell’ambito della crisi sanitaria: la questione dei confini tra sfera privata e sfera pubblica, la necessità di spazi di mediazione e prossimità in grado di ridurre distanze fisiche e sociali, il ripensamento dei servizi alla comunità e delle attrezzature collettive. Il contributo presenta inoltre una riflessione sulla proiezione di questi immaginari in un orizzonte prossimo o distante, non tanto in termini temporali di breve o lungo termine, quanto piuttosto nei termini della proiezione degli immaginari della città in visioni prossime o distanti da percorsi consolidati e prassi che, nel giro di pochi mesi, sono parse obsolete, se non anacronistiche, oppure al contrario sono tornate alla ribalta e re-interpretate, anche con notevoli disambiguazioni (si pensi, ad esempio, ai concetti di distanziamento e prossimità).

Immaginari spaziali post-pandemici, tra micro e macro, futuri prossimi e distanti / Lingua V.. - In: URBANISTICA INFORMAZIONI. - ISSN 2239-4222. - ELETTRONICO. - 289s.i.:(2022), pp. 36-40.

Immaginari spaziali post-pandemici, tra micro e macro, futuri prossimi e distanti

Lingua V.
2022

Abstract

Il contributo analizza i cambiamenti intervenuti negli immaginari spaziali collettivi riferiti alla città e al territorio aperto nella fase pandemica e post-pandemica. In particolare, con riferimento alle città metropolitane e ai loro territori, alla luce di pratiche di Regional Design finalizzate alla analisi e definizione di immaginari spaziali e di nuove visioni legate all’intero territorio metropolitano, ci si interroga sulla capacità della pianificazione di intercettare questi immaginari attraverso visioni di città che siano in grado di interpretare e re-interpretare in una prospettiva trans-scalare tematiche emerse prepotentemente nell’ambito della crisi sanitaria: la questione dei confini tra sfera privata e sfera pubblica, la necessità di spazi di mediazione e prossimità in grado di ridurre distanze fisiche e sociali, il ripensamento dei servizi alla comunità e delle attrezzature collettive. Il contributo presenta inoltre una riflessione sulla proiezione di questi immaginari in un orizzonte prossimo o distante, non tanto in termini temporali di breve o lungo termine, quanto piuttosto nei termini della proiezione degli immaginari della città in visioni prossime o distanti da percorsi consolidati e prassi che, nel giro di pochi mesi, sono parse obsolete, se non anacronistiche, oppure al contrario sono tornate alla ribalta e re-interpretate, anche con notevoli disambiguazioni (si pensi, ad esempio, ai concetti di distanziamento e prossimità).
289s.i.
36
40
Goal 11: Sustainable cities and communities
Lingua V.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ui289si_sessione_12.pdf

accesso aperto

Tipologia: Pdf editoriale (Version of record)
Licenza: Creative commons
Dimensione 802.02 kB
Formato Adobe PDF
802.02 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/1276799
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact