Abstract Il lutto per la morte della madre ad opera del padre, o comunque uccisa da chi esercita una funzione paterna, è un trauma che, per i bambini e le bambine e gli/le adolescenti, rischia di essere insuperabile se non si attivano interventi specifici, sia sul piano del sostegno personale, che dei contesti di vita in cui vengono inseriti. In particolare, le famiglie affidatarie si trovano a dover gestire una complessità di dolori e di traumi, che richiedono una grande capacità di rielaborazione dei modelli relazionali e di gestione della nuova situazione. A tal fine, si ritiene necessario che sia formata una specifica figura professionale socio-educativa, con competenze interdisciplinari, con funzione di tutor familiare, in grado di sostenere e accompagnare bambini/e, adolescenti e sistema familiare. Una figura altamente specializzata nella gestione e nella elaborazione del lutto, nel lavoro di sostegno e capace di creare le condizioni per una significativa presa in cura, da parte dell’équipe multi-professionale e per rendere efficaci e operative le garanzie definite, in Italia, dalla Legge n. 4/2018, per gli orfani/le orfane di crimini domestici e le famiglie affidatarie. Abstract Bereavement for mother’s death, by father, or, in any case, murdered by their agent of fatherly care, is a trauma that, for children and adolescents, risks to become insurmountable, unless specific interventions are activated, both at personal support level, and concerning life contexts, where they are placed. In particular, foster families find themselves in the situation of managing a com-plexity of sorrows and traumas, requiring a great capacity of relational models’ re-elaboration and of new situation’s handling. In this purpose, we consider it as fundamental to form a specific socio-educative professional figure, with 1 interdisciplinary competences, with the role of family tutor, able to support and to accompany children, adolescents and family system. A highly specialised profile, dealing with bereavement handling and elaboration, with work of support and able to create the conditions for a significant undertaking into care, by the multi-professional team, and to make effective and operational the guarantees defined, in Italy, by Law n. 4/2018, for orphaned children and adolescents, due to domestic crimes and for foster families.Keywords: orphans due to feminicide, family tutor, Pedagogy of bereavement, complexity handling, foster families.

Figli/e orfani/e per femminicidio e famiglie affidatarie. Il ruolo educativo del tutor familiare nel complesso intreccio tra traumi, diritti e bisogni di sviluppo / MARIA RITA MANCANIELLO. - In: RIVISTA ITALIANA DI EDUCAZIONE FAMILIARE. - ISSN 2037-1861. - ELETTRONICO. - (2022), pp. 129-141.

Figli/e orfani/e per femminicidio e famiglie affidatarie. Il ruolo educativo del tutor familiare nel complesso intreccio tra traumi, diritti e bisogni di sviluppo

MARIA RITA MANCANIELLO
2022

Abstract

Abstract Il lutto per la morte della madre ad opera del padre, o comunque uccisa da chi esercita una funzione paterna, è un trauma che, per i bambini e le bambine e gli/le adolescenti, rischia di essere insuperabile se non si attivano interventi specifici, sia sul piano del sostegno personale, che dei contesti di vita in cui vengono inseriti. In particolare, le famiglie affidatarie si trovano a dover gestire una complessità di dolori e di traumi, che richiedono una grande capacità di rielaborazione dei modelli relazionali e di gestione della nuova situazione. A tal fine, si ritiene necessario che sia formata una specifica figura professionale socio-educativa, con competenze interdisciplinari, con funzione di tutor familiare, in grado di sostenere e accompagnare bambini/e, adolescenti e sistema familiare. Una figura altamente specializzata nella gestione e nella elaborazione del lutto, nel lavoro di sostegno e capace di creare le condizioni per una significativa presa in cura, da parte dell’équipe multi-professionale e per rendere efficaci e operative le garanzie definite, in Italia, dalla Legge n. 4/2018, per gli orfani/le orfane di crimini domestici e le famiglie affidatarie. Abstract Bereavement for mother’s death, by father, or, in any case, murdered by their agent of fatherly care, is a trauma that, for children and adolescents, risks to become insurmountable, unless specific interventions are activated, both at personal support level, and concerning life contexts, where they are placed. In particular, foster families find themselves in the situation of managing a com-plexity of sorrows and traumas, requiring a great capacity of relational models’ re-elaboration and of new situation’s handling. In this purpose, we consider it as fundamental to form a specific socio-educative professional figure, with 1 interdisciplinary competences, with the role of family tutor, able to support and to accompany children, adolescents and family system. A highly specialised profile, dealing with bereavement handling and elaboration, with work of support and able to create the conditions for a significant undertaking into care, by the multi-professional team, and to make effective and operational the guarantees defined, in Italy, by Law n. 4/2018, for orphaned children and adolescents, due to domestic crimes and for foster families.Keywords: orphans due to feminicide, family tutor, Pedagogy of bereavement, complexity handling, foster families.
129
141
Goal 4: Quality education
Goal 5: Gender equality
MARIA RITA MANCANIELLO
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
12231-Article Text-40885-3-10-20220708 (1).pdf

accesso aperto

Tipologia: Pdf editoriale (Version of record)
Licenza: Creative commons
Dimensione 265.53 kB
Formato Adobe PDF
265.53 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/1277323
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact