Le sollecitazioni per un raccordo costruttivo tra osservazione fenomenologica, rifles-sione filosofica e indagine scientifica sono oggi sempre più insistenti. Nel caso della percezione, l’idea che questa richieda uno studio a più livelli, in cui convergano analisi concettuali, descrizioni fenomenologiche, teorie e modelli scientifici e ricerca speri-mentale, riveste un ruolo di particolare e crescente rilievo. In questo quadro, un interesse preminente è assunto dal rapporto tra piano fenomenico e piano fisiologico, nei con-fronti del quale la funzione attribuita alla fenomenologia sembra essere duplice: porre degli explananda e dei vincoli alle spiegazioni neurofisiologiche dell’esperienza e fornire linee ipotetiche di spiegazione circa il funzionamento del substrato neurobiologico della medesima. La funzione di cui la fenomenologia si trova così ad essere investita è quella di concorrere a porre in essere una prospettiva che – e non a caso – risulta specularmente contraria al profondo divario tra descrizione neurofisiologica e descrizione fe-nomenologica dell’esperienza che viene sempre più contestato ai modelli neuro-computazionali della mente. Le odierne interpretazioni in chiave naturalistica della tra-dizione fenomenologica (e la nozione di strutture rappresentazionali fisiologiche ne è parte) hanno altresì messo capo a rinnovate discussioni sul concetto di rappresentazio-ne, su ciò che ci è direttamente accessibile, sul tipo di relazione (diretta o indiretta) che lega la mente e il mondo. A tali questioni sono dedicati i saggi raccolti in questo volume.

FENOMENOLOGIA E SCIENZA. PUNTI D’INCONTRO PASSATI E PRESENTI / TOCCAFONDI, Fiorenza. - (2012).

FENOMENOLOGIA E SCIENZA. PUNTI D’INCONTRO PASSATI E PRESENTI

TOCCAFONDI, Fiorenza
2012

Abstract

Le sollecitazioni per un raccordo costruttivo tra osservazione fenomenologica, rifles-sione filosofica e indagine scientifica sono oggi sempre più insistenti. Nel caso della percezione, l’idea che questa richieda uno studio a più livelli, in cui convergano analisi concettuali, descrizioni fenomenologiche, teorie e modelli scientifici e ricerca speri-mentale, riveste un ruolo di particolare e crescente rilievo. In questo quadro, un interesse preminente è assunto dal rapporto tra piano fenomenico e piano fisiologico, nei con-fronti del quale la funzione attribuita alla fenomenologia sembra essere duplice: porre degli explananda e dei vincoli alle spiegazioni neurofisiologiche dell’esperienza e fornire linee ipotetiche di spiegazione circa il funzionamento del substrato neurobiologico della medesima. La funzione di cui la fenomenologia si trova così ad essere investita è quella di concorrere a porre in essere una prospettiva che – e non a caso – risulta specularmente contraria al profondo divario tra descrizione neurofisiologica e descrizione fe-nomenologica dell’esperienza che viene sempre più contestato ai modelli neuro-computazionali della mente. Le odierne interpretazioni in chiave naturalistica della tra-dizione fenomenologica (e la nozione di strutture rappresentazionali fisiologiche ne è parte) hanno altresì messo capo a rinnovate discussioni sul concetto di rappresentazio-ne, su ciò che ci è direttamente accessibile, sul tipo di relazione (diretta o indiretta) che lega la mente e il mondo. A tali questioni sono dedicati i saggi raccolti in questo volume.
9788860876355
TOCCAFONDI, Fiorenza
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2158/1280411
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact