Introduzione Nelle terapie intensive (TI) e sub-intensive (TSI) la rilevazione del fabbisogno infermieristico permette una corretta allocazione delle risorse infermieristiche e l’identificazione di un adeguato rapporto infermiere/paziente. Tra gli strumenti ideati con questo obiettivo, il NAS è attualmente il più diffuso. Studi sul NAS hanno messo in relazione il fabbisogno infermieristico e il numero ottimale di infermieri in TI con l’insorgenza di eventi avversi, e l’influenza delle diverse tipologie di TI (generale vs. specialistica) sul carico di lavoro. Inoltre, è stato studiato l’impatto sul carico di lavoro esercitato dall’applicazione di supporti vitali extracorporei e quello della pandemia da COVID-19 sui settings assistenziali intensivi. Dal momento che sono molto scarsi gli studi che hanno applicato il NAS nelle TSI, l’obiettivo di questo lavoro è stato valutare il carico di lavoro infermieristico in una TSI medico-chirurgica. Materiali e Metodi Studio osservazionale prospettico monocentrico, condotto nella TSI medico-chirugica dell’AOU Careggi di Firenze. Sono stati inclusi tutti i pazienti adulti ricoverati consecutivamente nella TSI dall’11-02-2021 al 13-03-2021. Sono stati esclusi i pazienti ricoverati per meno di 24 ore. La TSI, di 8 posti letto, nel periodo di studio, era dedicata esclusivamente ai pazienti negativi al COVID-19. In ogni turno erano presenti 2 infermieri. La raccolta dati è avvenuta su scheda NAS non modificata. Risultati Sono stati inclusi 75 pazienti (età mediana di 72 anni - Q1-Q3: 59 - 79), con una degenza mediana di 2 giorni (Q1-Q3: 2-4), per un totale di 239 schede NAS compilate. I pazienti sono stati suddivisi in 3 gruppi in base alla loro diagnosi di ammissione (medica, chirurgica, traumatica). Il valore NAS mediano è stato pari a 59.7 (Q1-Q3: 53.7-68.2, range: 34.7-119.7). Sono emerse differenze statisticamente significative nei tre valori mediani del NAS per le tre diagnosi di ammissione investigate.

Applicazione del nursing activities score (NAS) in un’unità di terapia sub-intensiva medico-chirurgica: uno studio osservazionale prospettico / Carolina Forciniti, Alberto Lucchini, Luca Pietrini, Laura Rasero, Stefano Bambi.. - In: SCENARIO. - ISSN 1592-5951. - STAMPA. - 39:(2022), pp. 36-37.

Applicazione del nursing activities score (NAS) in un’unità di terapia sub-intensiva medico-chirurgica: uno studio osservazionale prospettico

Alberto Lucchini;Luca Pietrini;Laura Rasero;Stefano Bambi.
2022

Abstract

Introduzione Nelle terapie intensive (TI) e sub-intensive (TSI) la rilevazione del fabbisogno infermieristico permette una corretta allocazione delle risorse infermieristiche e l’identificazione di un adeguato rapporto infermiere/paziente. Tra gli strumenti ideati con questo obiettivo, il NAS è attualmente il più diffuso. Studi sul NAS hanno messo in relazione il fabbisogno infermieristico e il numero ottimale di infermieri in TI con l’insorgenza di eventi avversi, e l’influenza delle diverse tipologie di TI (generale vs. specialistica) sul carico di lavoro. Inoltre, è stato studiato l’impatto sul carico di lavoro esercitato dall’applicazione di supporti vitali extracorporei e quello della pandemia da COVID-19 sui settings assistenziali intensivi. Dal momento che sono molto scarsi gli studi che hanno applicato il NAS nelle TSI, l’obiettivo di questo lavoro è stato valutare il carico di lavoro infermieristico in una TSI medico-chirurgica. Materiali e Metodi Studio osservazionale prospettico monocentrico, condotto nella TSI medico-chirugica dell’AOU Careggi di Firenze. Sono stati inclusi tutti i pazienti adulti ricoverati consecutivamente nella TSI dall’11-02-2021 al 13-03-2021. Sono stati esclusi i pazienti ricoverati per meno di 24 ore. La TSI, di 8 posti letto, nel periodo di studio, era dedicata esclusivamente ai pazienti negativi al COVID-19. In ogni turno erano presenti 2 infermieri. La raccolta dati è avvenuta su scheda NAS non modificata. Risultati Sono stati inclusi 75 pazienti (età mediana di 72 anni - Q1-Q3: 59 - 79), con una degenza mediana di 2 giorni (Q1-Q3: 2-4), per un totale di 239 schede NAS compilate. I pazienti sono stati suddivisi in 3 gruppi in base alla loro diagnosi di ammissione (medica, chirurgica, traumatica). Il valore NAS mediano è stato pari a 59.7 (Q1-Q3: 53.7-68.2, range: 34.7-119.7). Sono emerse differenze statisticamente significative nei tre valori mediani del NAS per le tre diagnosi di ammissione investigate.
Carolina Forciniti, Alberto Lucchini, Luca Pietrini, Laura Rasero, Stefano Bambi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/1285758
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact