Nell’ambito dei lavori realizzati da Savinio per la radio negli ultimi anni della sua vita (1949-1952), l’opera radiofonica Cristoforo Colombo occupa certamente una posizione di rilievo, sia per le scelte stilistiche adottate e per la pluralità dei temi affrontati (il rapporto tra Europa e America, tra reale e irreale, tra storia e mito), sia per come essa si rapporta al contesto della produzione radiofonica coeva e al clima politico e culturale del Dopoguerra. In assenza di uno studio specifico su questo lavoro– tra i più lunghi e complessi composti da Savinio per la radio – il mio intervento ne ripercorrerà la genesi (da soggetto cinematografico a testo teatrale, infine a opera radiofonica) e ne illustrerà le principali componenti stilistiche, soffermandosi soprattutto sulla funzione che il suono – inteso come insieme di voce musica rumore – assume nel costruire una drammaturgia dell’irrealtà e dell’altrove la cui efficacia viene potenziata proprio dal mezzo radiofonico.

Drammaturgia dell'altrove e suono metafisico nel "Cristoforo Colombo" di Alberto Savinio / Antonella D'Ovidio. - In: STUDI ONLINE. - ISSN 2385-0779. - ELETTRONICO. - (2023), pp. Anno IX-X, nn. 18-19 1 luglio 2022 - 30 giugno 2023.173-Anno IX-X, nn. 18-19 1 luglio 2022 - 30 giugno 2023.181.

Drammaturgia dell'altrove e suono metafisico nel "Cristoforo Colombo" di Alberto Savinio

Antonella D'Ovidio
2023

Abstract

Nell’ambito dei lavori realizzati da Savinio per la radio negli ultimi anni della sua vita (1949-1952), l’opera radiofonica Cristoforo Colombo occupa certamente una posizione di rilievo, sia per le scelte stilistiche adottate e per la pluralità dei temi affrontati (il rapporto tra Europa e America, tra reale e irreale, tra storia e mito), sia per come essa si rapporta al contesto della produzione radiofonica coeva e al clima politico e culturale del Dopoguerra. In assenza di uno studio specifico su questo lavoro– tra i più lunghi e complessi composti da Savinio per la radio – il mio intervento ne ripercorrerà la genesi (da soggetto cinematografico a testo teatrale, infine a opera radiofonica) e ne illustrerà le principali componenti stilistiche, soffermandosi soprattutto sulla funzione che il suono – inteso come insieme di voce musica rumore – assume nel costruire una drammaturgia dell’irrealtà e dell’altrove la cui efficacia viene potenziata proprio dal mezzo radiofonico.
2023
173
181
Antonella D'Ovidio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificatore per citare o creare un link a questa risorsa: https://hdl.handle.net/2158/1365052
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact