ALDO PALAZZESCHI, REMY DE GOURMONT: UN GIOCO DI "...RIFLESSI"