ANTONIO PORTA E IL PROGRESSIVO ANNIENTAMENTO DELL'IO