LA "REPUBBLICA DELLE LETTERE"