LA SCRITTURA SOPRA LA SCRITTURA. NOTA SUL «CRITICO-INQUISITORE»