DA UN COMMENTO AL CANZONIERE DI PETRARCA: SONETTO LXXXVI