Margini di solidità: il secondo argine al rischio finanziario