Da Astengo a Gabrielli. Le vecchie intenzioni del PRG