SULL'ATTIVITÀ ORVIETANA DI SIMONE MARTINI E DEL SUO SEGUITO