UN PRETESTO SUL METODO DI LUIGI BALDACCI