LE LETTERE DI ADA AD ETTORE PATRIZI