CLAUDIO GIAMBASTIANI: L'UOMO, LO STUDIOSO