UNA RIVISITAZIONE DEL TRECENTO TOSCANO