Il teatro secondo le "correnti occasioni"