G. LAGORIO, UN CICLONE CHIAMATO TITTI