FABIO DOPLICHER. «LE PAROLE SONO LE MIE ORME»