La modernità discreta di Mazzoni