In questo lavoro è proposta una formulazione agli elementi finiti di strutture costituite da materiali unilateri quali quelli non reagenti a trazione o a compressione. Allo scopo di analizzare sistemi molto deformabili quali tensostrutture o volte sottili ribassate in muratura, viene esteso il modello di materiale unilatero al campo delle deformazioni finite. Il legame costitutivo si basa su due ipotesi fondamentali e cioè che la parte anelastica della deformazione evolva senza dissipazioni e che esista un legame iper-elastico, dipendente dal terzo invariante del tensore gradiente di deformazione poiché il materiale si deforma in maniera non isocora. Il modello qui esposto è una naturale estensione dell’analogo modello in deformazioni infinitesime e presenta le stesse caratteristiche di reversibilità. Esso viene implementato in una formulazione incrementale agli elementi finiti per la quale vengono fornite le espressioni esplicite delle matrici di rigidezza tangenti materiale e geometrica.

A Finite Element Formulation for No Tension Materials in Finite Deformations / M. Cuomo; M. Fagone. - STAMPA. - (2001), pp. 1-10. (Intervento presentato al convegno XV Congresso AIMETA di Meccanica Teorica e Applicata tenutosi a Taormina, Italy).

A Finite Element Formulation for No Tension Materials in Finite Deformations

FAGONE, MARIO
2001

Abstract

In questo lavoro è proposta una formulazione agli elementi finiti di strutture costituite da materiali unilateri quali quelli non reagenti a trazione o a compressione. Allo scopo di analizzare sistemi molto deformabili quali tensostrutture o volte sottili ribassate in muratura, viene esteso il modello di materiale unilatero al campo delle deformazioni finite. Il legame costitutivo si basa su due ipotesi fondamentali e cioè che la parte anelastica della deformazione evolva senza dissipazioni e che esista un legame iper-elastico, dipendente dal terzo invariante del tensore gradiente di deformazione poiché il materiale si deforma in maniera non isocora. Il modello qui esposto è una naturale estensione dell’analogo modello in deformazioni infinitesime e presenta le stesse caratteristiche di reversibilità. Esso viene implementato in una formulazione incrementale agli elementi finiti per la quale vengono fornite le espressioni esplicite delle matrici di rigidezza tangenti materiale e geometrica.
2001
Atti del XV Congresso AIMETA di Meccanica Teorica e Applicata
XV Congresso AIMETA di Meccanica Teorica e Applicata
Taormina, Italy
M. Cuomo; M. Fagone
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cuomo M1.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Versione finale referata (Postprint, Accepted manuscript)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 267.27 kB
Formato Adobe PDF
267.27 kB Adobe PDF   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificatore per citare o creare un link a questa risorsa: https://hdl.handle.net/2158/238557
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact