La metafora punitiva: dalle pene perdute a quelle ritrovate?