TRA SCAPIGLIATURA E VERISMO: CESARE TRONCONI