Il "Dione" e la politica di Sinesio