G. DESSì. L'ARROGANZA DELLA LETTERATURA: intervista