LA CORRISPONDENZA INEDITA CON ORESTE MACRì / PRECISIONE NELLE VAGHEZZE