Cicerone, Firmico e la dittatura di Scipione Emiliano