Un caso di manzonismo strutturale: "La patente" di Luigi Pirandello