Sul paradosso dell'impossibilità di speculare