Infondatezza e combinatorietà nella teoria dei giochi dopo John Nash