Il “rifiuto del consenso”. Foscolo nella lettura di Baldacci