Cuoco, Gentile e la scuola fascista