Giorgio Caproni e l'afasia del segno