Caproni, la cosa perduta e la malinconia