Giorgio Caproni: “Enfasi a parte” e il silenzio della parola