La soggettività tradita e il paradosso dell’oggetto assente