Sulla (im)possibilità di una trasformazione di studi professionali in società tra avvocati